Educat
CATECHISMO DEI RAGAZZI
Vi ho chiamato amici

Catechismo dei Ragazzi

Vi ho chiamato amici
Lo Spirito, anima della Chiesa


Lo Spirito Santo ha fatto sentire la sua voce nel cuore dei primi ascoltatori di Pietro a Gerusalemme il giorno di Pentecoste, come fa con noi continuamente e con “quanti ne chiamerà il Signore Dio nostro” ().
Nelle parole degli apostoli avvertiamo la chiamata che Dio rivolge a ciascuno di noi. Egli chiama per primo e chiama per amore a far parte della Chiesa.
Il senso di questa vocazione gratuita era già nella coscienza del popolo d’Israele: “Il Signore si è legato a voi, popolo d’Israele, e vi ha scelti, non perché siete più numerosi di tutti gli altri popoli – siete infatti il più piccolo di tutti i popoli – ma perché il Signore vi ama e perché ha voluto mantenere il giuramento fatto ai vostri padri” ().
L’amore di Dio è per il mondo intero e per gli uomini di ogni generazione.
Come descrivere il nuovo popolo che è la Chiesa, ricco della benedizione di Dio che non è legata ad una sola nazione o a una razza, a un solo territorio o ad una sola cultura?
At 2,39Dt 7,7-8
180-1r4.png
Pietro, prima di morire martire nella persecuzione di Nerone, scriveva ai cristiani dell’Asia Minore: “Stringendovi a Cristo, pietra viva, rigettata dagli uomini, ma scelta e preziosa davanti a Dio, anche voi venite impiegati come pietre vive per la costruzione di un edificio spirituale, per un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali, graditi a Dio, per mezzo di Gesù Cristo. Voi siete la stirpe eletta, il sacerdozio regale, la nazione santa, il popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere meravigliose di lui, che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce; voi che un tempo eravate non-popolo, ora siete il popolo di Dio; voi, un tempo esclusi dalla misericordia, ora avete invece ottenuto misericordia” (1 Pt 2,4-59-10).
La Chiesa si può dunque paragonare a una costruzione spirituale di persone vive, tutte saldamente unite a Cristo. Le lega con vincoli misteriosi, visibili e soprattutto invisibili, lo Spirito Santo. È un edificio che si costruisce continuamente, perché deve estendersi sempre più nel cuore di ogni credente e al di là di tutti i confini.
I membri della Chiesa svolgono in essa funzioni diverse, secondo i doni dati a ciascuno dallo Spirito: ogni fedele è in essa come una pietra preziosa e insostituibile. Ma non basta stare insieme perché vi sia la Chiesa, non sono sufficienti la conoscenza reciproca e la buona volontà dei cristiani, il loro spirito di iniziativa e l’impegno generoso. Non sono solo le strutture organizzative che rivelano la realtà viva della Chiesa.
Queste sono soltanto segni e aspetti parziali, anche se importanti e sempre imperfetti. Sono come la facciata esterna dei muri di una casa. È lo Spirito Santo l’energia nascosta che fa dei cristiani una grande casa di pietre vive, una famiglia, un popolo solo.
Dio solo è colui che edifica la sua casa che è la Chiesa.
181-1r4.png
La Chiesa,
nata da Cristo
e animata
dallo Spirito,
è segno e strumento
di comunione
tra Dio
e gli uomini,
annuncio
dell’amore del Padre
a tutti i popoli.
La consegna delle chiavi,
del Perugino,
Cappella Sistina, Roma
Come si forma una comunità
Cerchiamo negli Atti i racconti delle origini di alcune Chiese locali fondate dagli apostoli.
:
Ad Antiochia per la prima volta i discepoli furono chiamati cristiani.
:
A Filippi, il sabato uscimmo fuori della porta lungo il fiume e sedutici rivolgevamo la parola alle donne là riunite.
:
Giunsero a Tessalonica dove c’era una sinagoga dei giudei. Paolo vi andò e per tre sabati discusse con loro sulla base delle Scritture.
:
A Corinto molti, udendo Paolo, credevano e si facevano battezzare. Paolo si fermò un anno e mezzo, insegnando fra loro la parola di Dio.
Atti 11,19-26Atti 16,11-15Atti 17,1-9Atti 18,1-11

Catechismo dei Ragazzi
indice dei contenuti