Educat
CATECHISMO DEI RAGAZZI
Vi ho chiamato amici

Catechismo dei Ragazzi

Vi ho chiamato amici
Maestro, dove abiti?


Andrea e un suo amico, discepoli di Giovanni il Battista, un giorno incontrarono Gesù e lo seguirono. “Chi cercate?”, disse loro Gesù. Gli risposero: “Maestro, dove abiti?”. Disse loro: “Venite e vedrete”. Andarono e videro dove abitava, e quel giorno si fermarono presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Poi Andrea incontrò suo fratello Simone e gli disse: “Abbiamo trovato il Messia”, che significa il Cristo, e lo condusse da Gesù.
Il giorno dopo Gesù incontrò Filippo e gli disse: “Seguimi”. Filippo era di Betsaida, la stessa città di Andrea e Simone, sulla riva del grande lago di Galilea.
Filippo incontrò Natanaele e gli disse: “Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella legge e i profeti, Gesù, figlio di Giuseppe di Nazareth. Vieni e vedi” (cf Gv 1,35-51).
Il primo incontro con una persona affascinante suscita curiosità e interesse. Ma non basta, se non porta all’amicizia e al desiderio di stare insieme.
Andrea, Simone, Filippo, Natanaele, Giovanni l’amico di Andrea e molti altri hanno incontrato Gesù, sono ritornati da lui, sono rimasti con lui anche quando essere suoi amici era pericoloso.
Davanti alla prova della croce la loro fedeltà è messa alla prova. Solo la risurrezione di Gesù apre loro gli occhi e il cuore, ed essi lo riconoscono. L’incontro con il risorto è per i discepoli un’esperienza decisiva: essi ricorderanno tutto ciò che avevano visto e udito e comprenderanno.
42-1ar4.png
Signore,
da chi andremo?
Tu solo
hai parole
di vita eterna.
(cf Gv 6,68)

Catechismo dei Ragazzi
indice dei contenuti