Educat
CATECHISMO DEI RAGAZZI
Vi ho chiamato amici

Catechismo dei Ragazzi

Vi ho chiamato amici
Incontrare oggi Gesù


Il nostro primo incontro con la comunità cristiana è avvenuto il giorno del Battesimo e il nostro nome è stato registrato in parrocchia sul libro dei battezzati.
Il Battesimo è il primo incontro con Gesù e con la Chiesa, ma può restare un episodio remoto dell’infanzia. Cosa conta ricordare le prime preghiere, la prima Comunione, le prime esperienze di vita cristiana vissute in famiglia, a scuola, o in parrocchia, se è cessato l’interesse e l’amore per Gesù? Forse alcuni si sono stancati di sentir parlare di lui, mentre la delusione e l’incertezza abitano nel cuore di altri.
Non è sufficiente essere nati in una famiglia cristiana. È necessario vivere il Battesimo e accogliere ogni giorno il Vangelo per incontrare Gesù di Nazareth.
Quasi duemila anni ci separano dal giorno in cui per la prima volta egli ha posto ai suoi amici questa domanda: “Voi chi dite che io sia?”.
Ogni generazione di cristiani deve dare la propria risposta.
Gesù fa risuonare ancora il suo messaggio in mezzo alla gente come fece nei villaggi della Palestina, ha ancora amici e avversari come fosse un nostro contemporaneo. Chi è mai costui?
Coloro che incontrano Gesù e accettano di orientare con la sua parola la propria vita non possono fare a meno di gioire della sua presenza e parlare di lui. L’esperienza vissuta dai primi discepoli si ripete in ogni epoca, la loro avventura meravigliosa può diventare anche la tua.
41-1ar4.png
Voi siete una lettera
di Cristo, scritta
non con inchiostro,
ma con lo Spirito
del Dio vivente,
conosciuta e letta
da tutti gli uomini.

Catechismo dei Ragazzi
indice dei contenuti