Educat
CATECHISMO DEI RAGAZZI
Vi ho chiamato amici

Catechismo dei Ragazzi

Vi ho chiamato amici
Tu ci raduni da tutti i popoli


La storia di Israele è il cammino di un popolo che guarda costantemente al futuro. Lo sostiene una grande promessa: Dio manderà il suo Messia, ad inaugurare per tutti gli uomini un’alleanza eterna. Né il peccato, né il tradimento degli uomini scoraggiano Dio; i suoi propositi arrivano sempre a compimento.
Nei momenti più tristi per Israele, come l’esilio a Babilonia dopo la distruzione di Gerusalemme intorno all’anno 587 a.C., si alza la voce di Ezechiele e di altri profeti: Coraggio, non temete! C’è ancora un futuro di speranza per Israele e per tutti gli uomini.
Con la pazienza di un pastore, Dio stesso radunerà tutti i dispersi e si chinerà a curare feriti e ammalati.
33-1r4.png
Il Signore
è il mio pastore,
non manco di nulla.
Mi rinfranca,
mi guida
per il giusto
cammino
per amore
del suo nome.
(cf Sal 22)
ANDRÒ IN CERCA
DELLA PECORA
PERDUTA
Dice il Signore Dio: “Ecco. io stesso cercherò le mie pecore e ne avrò cura. Come un pastore passa in rassegna il suo gregge quando si trova in mezzo alle sue pecore che erano state disperse, cosi io passerò in rassegna le mie pecore e le radunerò da tutti i luoghi dove erano disperse nei giorni nuvolosi e di caligine.
Le ritirerò dai popoli e le radunerò da tutte le regioni. Le ricondurrò nella loro terra e le farò pascolare sui monti d’Israele. Io stesso condurrò le mie pecore al pascolo e io le farò riposare. Oracolo del Signore Dio.
Andrò in cerca della pecora perduta e ricondurrò all’ovile quella smarrita; fascerò quella ferita e curerò quella malata; avrò cura della grassa e della forte; le pascerò con giustizia”.
( )
Il buon pastore,
statua del IV secolo,
Museo Archeologico di Istanbul
Ez 34,11-1315-16

Catechismo dei Ragazzi
indice dei contenuti