Educat
CATECHISMO DEI RAGAZZI
Vi ho chiamato amici

Catechismo dei Ragazzi

Vi ho chiamato amici
Tu ci hai fatti per te


La storia delle religioni è la storia degli uomini che cercano Dio. Perché un desiderio così profondo di arrivare a lui?
Dentro di noi nascono e vivono molte aspirazioni: cerchiamo la verità, desideriamo la giustizia e attendiamo amore.
Nello stesso tempo temiamo di sbagliare, facciamo ciò che non è giusto, conosciamo l’egoismo e l’odio. E con le nostre sole forze non riusciamo a renderci ragione del perché viviamo e dove stiamo andando.
Per capire il senso della vita, l’uomo procede come a tentoni, con timore e speranza.
Le religioni di tutti i tempi ne sono il segno più evidente. Esse hanno tenuto viva questa fede: “Il segreto della vita è legato a Dio”. L’uomo porta in sé una nostalgia nascosta di Dio ed è capace di ascoltare la sua voce e riconoscere la sua presenza.
E se Dio stesso venisse incontro alle nostre aspirazioni profonde e ci aprisse gli occhi per capire il mistero della vita?
19-1r4.png
Cerchiamo
continuamente Dio.
Egli non è lontano
da noi, sue creature.
In lui infatti
viviamo,
ci muoviamo
ed esistiamo.
TU SEI L’ULTIMA META
O Ahura-Mazda,
tu ami tutti
e sei amato da tutti.
Tu sei l’ultima meta
di ogni uomo.
Tutto ciò che abbiamo
di nobiltà, di sincerità
e di saggezza,
proviene da te.
Fammi giungere a te,
fammi giungere a te
con le mie preghiere
di lode e i miei inni
di glorificazione.
Dimmi cos’è il tuo regno
e qual è la tua volontà.
O Dio onnisciente,
fammi arrivare a te
mediante il tuo spirito.
O Ahura-Mazda,
io voglio soltanto due cose:
mettermi in contatto con te
e parlare con te.
(Dal libro Avesta.
Preghiera della religione di
Zoroastro, sorta in Persia
nel VII secolo a. C.)
Uomo in preghiera,
di Gerhard Marcks

Catechismo dei Ragazzi
indice dei contenuti