Educat
CATECHISMO DEI RAGAZZI
Sarete miei testimoni

Catechismo dei Ragazzi

Sarete miei testimoni
Uniti in Cristo Gesù


65-1r3.png
Leggiamo negli Atti degli apostoli le origini della comunità di Efeso, in Asia Minore (At 19,1-12).
Paolo, primo evangelizzatore della città di Efeso, durante la sua prigionia a Roma, scrive a questa Chiesa di Dio.
L’apostolo ringrazia Dio per la fede e l’amore che unisce i fratelli e li incita a continuare su questa via:
“Vi esorto dunque io, il prigioniero del Signore, a comportarvi in maniera degna della vocazione che avete ricevuto, cercando di conservare l’unità dello Spirito per mezzo del vincolo della pace. Un solo corpo, un solo Spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. Un solo Dio Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, agisce per mezzo di tutti ed è presente in tutti”.
L’unità nella vita della Chiesa è un dono prezioso che bisogna sempre coltivare e conservare.
Ci unisce l’amicizia e la simpatia e prima ancora, ci unisce la stessa fede in Gesù e la presenza dello Spirito Santo.
Perché allora ci sono divisioni e conflitti anche tra fratelli della stessa fede? Come superarne le cause e vivere uniti?
Non possiamo dimenticare che è il Signore a unirci nel suo Spirito e nel suo progetto. Per questo è più profondo quanto ci unisce di quanto ci divide.
Spesso ascoltarsi, essere attenti agli altri, perdonare, accogliersi e rispettarsi sono gesti semplici che permettono di crescere nell’unità e nella fraternità. Anche i ragazzi possono costruire unità o portare divisione.
Noi tutti siamo stati battezzati in un solo Spirito
per formare un solo corpo,
il corpo di Cristo che è la Chiesa.
65-2r3.png

Catechismo dei Ragazzi
indice dei contenuti