Educat
CATECHISMO DEI GIOVANI
Io ho scelto voi

Catechismo dei Giovani

Io ho scelto voi
Simona Romagnoli


297-1g1.png
Giungere a 19 anni avendo percorso un cammino di vera maturità nella fede: è l’esperienza di Simona Romagnoli, una ragazza di Ostra, nelle Marche, con tanta voglia di vivere, una grande capacità di comunicare e un profondo desiderio di incontro con tutti.
Colpita da tumore a 16 anni, muore nel 1975. Sperimenta tutte le gioie, le speranze, le amicizie della giovinezza. Il dolore le dà in più la certezza che in lei vive il Signore che offre la vita per amore.
La sua vita è un vero inno di gioia per la scoperta degli altri e del mondo. Gli altri danno gioia nelle ore della solitudine ma soprattutto sono la manifestazione della presenza del Signore e dell’amore che anima la comunità.
«Carissimo R., in questo momento sento più vivo il desiderio di vederti e di parlarti di tutto quello che sta avvenendo in me. Scopro giorno dopo giorno che è per me più importante di tutto questa comunione col Padre attraverso i fratelli, sento che non posso più farne a meno e che l’unica cosa veramente importante per la mia vita è realizzarmi in questo senso».
Non contano, per Simona, solo gli altri; essi sono il segno e l’immagine di un altro: il grande Amico.
«Ho pensato che non era giusto che tutto questo accadesse a me, per un momento non sono riuscita ad accettarmi m quello stato, mi sono sentita sola con il mio male e con il mio corpo giovane tutto tagliato. Poi ho capito che tutto quello che avevo provato e pensato era stato ingiusto, era il più grande torto che avessi potuto fare a lui, a voi che mi volete bene e mi state vicini, e a me stessa».
Anche nella malattia Simona vede una strada nella quale incontrare il Signore e una chiamata a vivere per lui.
«L’unica cosa che può ricompensarci di una mancanza è la fede nel Signore, è l’abbandono totale a lui. Lui mi è venuto a cercare, mi ha voluta nuovamente e mi ha dato la grazia di poterlo scegliere di nuovo».

Catechismo dei Giovani
indice dei contenuti