Educat
CATECHISMO DEI GIOVANI
Io ho scelto voi

Catechismo dei Giovani

Io ho scelto voi
In dialogo con Dio


È questa anche l’esperienza di Mosè. La Bibbia lo presenta come un giovane ebreo, educato nella cultura e nella sapienza dell’antico Egitto. Mostra subito la sua indole generosa e il desiderio di libertà, quando colpisce una guardia egiziana che maltratta i suoi fratelli sottoposti a lavori gravosi. I suoi interventi senza progetto, l’incomprensione dei suoi e la paura del faraone gli fanno sperimentare il senso del fallimento. Si ritira nel deserto del Sinai a fare il pastore (Esodo 2,11-22). I suoi sogni sembrano spenti. Ma è nel deserto che Dio lo attende e lo afferra, per rilanciarlo nella grande avventura della liberazione del suo popolo. Ed egli non rifiuta.
Mosè si lascia attrarre da un segno straordinario: presso il monte di Dio, un roveto arde senza consumarsi! Non è un uomo superficiale e distratto. È capace di farsi attento, di meravigliarsi. È un uomo in ricerca: «Voglio avvicinarmi a vedere questo grande spettacolo: perché il roveto non brucia?» (Esodo 3,3).
247-1g1.png
La disponibilità di Mosè si trova di fronte a un evento inatteso. Dio gli si fa presente e gli parla. Lo chiama personalmente e amorosamente per nome. E Mosè non sfugge, non si chiude nella paura e nell’incertezza. Accetta il dialogo che Dio gli offre, anche se non sa ancora dove questo lo condurrà. Dichiara già da ora, con un semplice «Eccomi!», la sua apertura generosa e totale (Esodo 3,4).
L’uomo che, come Mosè, incontra Dio si trova in preda a due sentimenti contrastanti. Avverte di trovarsi di fronte ad un mistero che è più grande di lui. Con Dio non si può trattare come con un uomo. Occorre tanta povertà e umiltà per poterlo ascoltare: è necessario togliersi i sandali e velarsi la faccia! Quando però ci poniamo sinceramente in ascolto, ci accorgiamo che Dio non è un Dio lontano. Era già presente nella nostra storia e nella nostra vita. Lavorava per noi e assieme a noi. Le nostre esperienze passate mostrano l’impronta amorosa della sua azione. Mosè conosce Dio proprio così, come colui che era già all’opera nella storia dei suoi padri (Esodo 3,5-6).
248-1g1.png
248-2g1.png

Catechismo dei Giovani
indice dei contenuti