Educat
CATECHISMO DEI GIOVANI
Io ho scelto voi

Catechismo dei Giovani

Io ho scelto voi
Liberi per servire


L’uomo, liberato nella fede “da” egoistiche preoccupazioni per se stesso, liberato nella speranza “da” angosce ed ansie per i propri limiti, è finalmente libero “per” amare con totale dedizione.
La libertà cristiana ci è stata donata per amare Dio al di sopra di tutto e per diventare protagonisti di liberazione per gli altri, nella pratica di un amore fraterno: «Voi infatti, fratelli, siete stati chiamati a libertà. Purché questa libertà non divenga un pretesto per vivere secondo la carne, ma mediante la carità siate a servizio gli uni degli altri» (Galati 5,13).
Alla libertà donata dalla presenza dello Spirito di Dio si aprono così gli orizzonti sempre nuovi dell’amore. Dobbiamo camminare «secondo lo Spirito» (Galati 5,16), cioè «nella carità» (Efesini 5,2).
213-1g1.png
Il dono battesimale dello Spirito che ci fa liberi si rafforza e si approfondisce nel sacramento della Confermazione, quando, in modo consapevole e adulto, rinnoviamo il nostro “sì” a Cristo e alla Chiesa. Allora siamo arricchiti di sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio (Isaia 11,2). I doni dello Spirito che ci santificano sono forza dirompente, che fa scaturire in noi insospettate e creative energie di amore.
E lo Spirito del Risorto non ci sospinge sui sentieri di un amore impulsivo, fatto di simpatie ed antipatie, di attrazioni e di repulsioni, bensì sulla strada maestra di quell’amore divino che era all’opera nell’esistenza di Gesù Cristo: «Portate i pesi gli uni degli altri, così adempirete la legge di Cristo» (Galati 6,2). Cristo è la legge di quell’amore nel quale la libertà cristiana cresce e si edifica continuamente.
214-1g1.png
IN CRISTO LA VERA LIBERTÀ
Giovanni Paolo II, nel suo insegnamento, ci ha abituati a vedere insieme ed intimamente unite libertà e verità: è in Cristo, verità dell’uomo, che possiamo scoprire il vero volto della libertà:
«Gesù Cristo va incontro all’uomo di ogni epoca, anche della nostra epoca, con le stesse parole: “Conoscerete la verità, e la verità vi farà liberi” (Giovanni 8,32).
Queste parole racchiudono una fondamentale esigenza ed insieme un ammonimento: l’esigenza di un rapporto onesto nei riguardi della verità, come condizione di un’autentica libertà; e l’ammonimento, altresì, perché sia evitata qualsiasi libertà apparente, ogni libertà superficiale e unilaterale, ogni libertà che non penetri tutta la verità sull’uomo e sul mondo. Anche oggi, dopo duemila anni, il Cristo appare a noi come colui che porta all’uomo la libertà basata sulla verità».
(Redemptor hominis, 12)

Catechismo dei Giovani
indice dei contenuti