Educat
CATECHISMO DEI GIOVANI
Io ho scelto voi

Catechismo dei Giovani

Io ho scelto voi
Dio ascolta il grido del povero


Tutta la realtà è un dono di Dio, affidato al dominio responsabile dell’uomo, perché con lo sviluppo delle ricchezze del mondo crei uguali possibilità di vita per tutti. Siamo chiamati a dare al mondo il volto del diritto e della giustizia.
Fin dall’esperienza dell’alleanza al Sinai, Israele ha compreso che la fedeltà al patto con Dio comporta l’osservanza del diritto e la pratica della giustizia, condizioni per ottenere vita e felicità. Già la seconda parte del decalogo lascia intravedere come il legame con Dio esiga nuovi rapporti tra gli uomini (Esodo 20,12-17).
121-1g1.png
Con questa acuta coscienza Israele riformulerà sempre le sue leggi, in modo che esse corrispondano alle esigenze di giustizia che Dio gli richiede. Istituirà un anno particolare, ogni sette anni, destinato al condono dei debiti contratti, all’aiuto del bisognoso, alla liberazione degli schiavi (Deuteronomio 15,1-18). La sua legislazione avrà sempre una particolare attenzione ai più deboli, ai forestieri, agli orfani, alle vedove, a quanti per indigenza sono costretti a domandare prestiti (Esodo 22,20-26). E tutto ciò perché Dio stesso ascolta il grido di colui che è indifeso e se ne fa difensore.
121-2g1.png

Catechismo dei Giovani
indice dei contenuti