Educat
CATECHISMO DEI GIOVANI
Io ho scelto voi

Catechismo dei Giovani

Io ho scelto voi
Cieli e terra narrano la gloria di Dio


Alla luce della fede in un Dio che si rivela buono e pieno d’amore, Israele si interroga sul senso del mondo che lo circonda e sul compito che, in esso, è affidato all’uomo.
La parola che Israele pronuncia sul significato del mondo si fa, in molti casi, preghiera carica di ammirazione, di riconoscenza e di lode al suo Signore. Tutto quanto si offre al suo sguardo è segno e trasparenza del benevolo interessamento di Dio per la vita dell’uomo. Lo stupore per una così grande bontà si esprime allora con estrema naturalezza.
«O Signore, nostro Dio,
quanto è grande il tuo nome su tutta la terra:
sopra i cieli si innalza la tua magnificenza»
116-1g1.png
Tutto il cosmo e i suoi fenomeni sembrano aver voce e parola per comunicare agli uomini qualcosa della grandezza di Dio e della benevolenza del suo agire.
«I cieli narrano la gloria di Dio,
e l’opera delle sue mani annunzia il firmamento»
La varietà delle realtà create e la loro bellezza, il succedersi dei tempi e delle stagioni, la fecondità della terra e la misteriosa regolarità del mondo animale mostrano la saggezza di un ordine divino, che provvede alla vita dell’uomo ed assicura ad essa pienezza di gioia (Salmo 104).
Nel mondo e nel suo straordinario ordinamento Israele legge un dono di Dio, l’opera della sua creazione, un segno visibile del suo amore per l’uomo. La risposta a questo dono è la preghiera di lode, che tende a coinvolgere tutte le realtà del cielo e della terra nella esaltazione della grandezza divina (Salmo 148,1-10).
La preghiera dei salmi, nella quale il popolo di Dio ha espresso poeticamente la propria visione del mondo, possiede un fascino perenne. E invito alla contemplazione. È scoperta del senso di ammirazione e di gratitudine di fronte al mondo.
Questi sentimenti, suggeriti dalla preghiera d’Israele, non sono spontanei e immediati in una società come la nostra, attenta soprattutto all’efficienza e ai modi pratici di trasformazione delle cose. Il mondo ci appare, a prima vista, come uscito direttamente dalle decisioni e dalle mani dell’uomo, piuttosto che venuto a noi dalla sapienza e dall’amore creatore di Dio.
117-1g1.png
Eppure, anche dentro questa nuova concezione del mondo, avvertiamo che la testimonianza d’Israele ha un valore perenne. Sarebbe ben misero per l’uomo considerare le cose, la natura, gli eventi del mondo solo dal punto di vista della utilità e negarsi la capacità di ammirare, di stupirsi, di esprimere gratitudine per il dono ricevuto.
117-2g1.png

Catechismo dei Giovani
indice dei contenuti