Educat
CATECHISMO DEI GIOVANI
Io ho scelto voi

Catechismo dei Giovani

Io ho scelto voi
Nessun uomo è un’isola


32-1g1.png
34-1g1.png
Ciascuno tesse lentamente la delicata trama della propria vita attraverso i fatti, le possibilità e i modelli che il suo mondo gli offre. La famiglia in cui si nasce, il piccolo paese o la grande città in cui si vive, le persone conosciute, gli amici, la scuola, il lavoro, la cultura dell’ambiente: tutto incide profondamente nel tessuto dell’esistenza e ne fa parte. Nello stesso tempo la vita di ciascuno, le decisioni che si prendono lasciano traccia di sé nella vita degli altri, negli ambienti che si frequentano.
Nessun uomo è un’isola. La pianta della vita non cresce nella solitudine di un deserto. Vivere con gli altri non è un fatto che si può ignorare o rifiutare con una semplice decisione: fa parte dell’essere uomini.
Il corpo, nei gesti che manifestano le intenzioni, nelle parole che esprimono i pensieri, ci espone sempre agli altri, ci fa comunicare con loro. Udire e vedere il mondo degli uomini, dei fatti, delle cose suscita in noi reazioni, scelte, decisioni. La vita cresce o è mortificata attraverso questa rete sottile, ma resistente, di legami che si intrecciano giorno dopo giorno.
34-2g1.png
Se la presenza degli altri è così essenziale alla vita e alla crescita, non è possibile fare progetti solo per se stessi, rifiutando o dimenticando il mondo intorno a noi.
• Sei più incline alla solitudine o allo stare insieme?
• Che cosa ti interessa di più nelle persone che incontri?
• Il tessuto delle tue relazioni lo vivi come un sostegno o come una costrizione?
• Ti senti utile a qualcuno? Senti gli altri necessari a te?

Catechismo dei Giovani
indice dei contenuti