Educat
CATECHISMO DEI FANCIULLI
Venite con me

Catechismo dei Fanciulli

Venite con me
La Chiesa vive nella comunità parrocchiale


Osserviamo il paese o il quartiere in cui viviamo.
C’è bisogno di accogliere quelli che non hanno casa. C’è bisogno di ospitare o di aiutare quelli che vengono da lontano in cerca di lavoro.
I veri cristiani non pensano solo a se stessi
e sanno che c’è più gioia a donare che a ricevere.
Per tutti c’è qualcosa da fare. I grandi si organizzano e cercano soluzioni giuste ai problemi della scuola, dei disoccupati, dei vecchi, dei malati... E i ragazzi? E i bambini?
I miei libri, il mio pallone,
la mia bicicletta, il mio giardino
e la mia casa sono anche per te.
I miei amici diventeranno i tuoi amici, vieni!
C’è anche la mia mamma e faremo festa.
Faremo insieme i compiti per la scuola.
Sei malato o c’è qualche difficoltà
nella tua famiglia: noi verremo da te!
Il luogo dove la domenica ci riuniamo per celebrare l’Eucaristia si chiama chiesa. Può essere piccola o grande, ricca di opere d’arte o povera e spoglia. Ma la comunità dei cristiani che si incontra nella nostra chiesa è molto più importante delle pietre e dell’edificio. E' la famiglia di Dio che vive nella parrocchia.
La comunità parrocchiale ci ha accolti il giorno del Battesimo e noi siamo diventati pietre vive della Chiesa di Gesù.
Nella Chiesa di Gesù, tutti hanno un compito da svolgere: i grandi e i piccoli, i preti, le suore, i papà e le mamme, i catechisti e i maestri; chi lavora, chi va a scuola, chi è malato... Ciascuno ha la sua vocazione, ciascuno può ricevere e dare qualcosa. Uniti e illuminati dallo Spirito Santo, anche noi possiamo collaborare per costruire in parrocchia una comunità viva di fratelli. Con i catechisti cresciamo insieme come discepoli che ascoltano e seguono Gesù. Possiamo organizzarci in gruppi per giocare. Possiamo riunirci per preparare i canti o il servizio al sacerdote nell’Eucaristia. Ci sono impegni da prendere per aiutare i poveri e per far conoscere Gesù a tutti.
Con noi ci sono sempre i preti. Essi non hanno famiglia e bambini; sono lieti di spendere la giornata e anche la vita per il nostro bene. Sono nostri fratelli; Gesù li ha chiamati e il vescovo, in suo nome, li ha ordinati e li ha mandati a noi, perché guidino la comunità. Con loro siamo impegnati a costruire una vera famiglia di discepoli del Signore.
142-1r2.png

Catechismo dei Fanciulli
indice dei contenuti