Educat
CATECHISMO DEI FANCIULLI
Venite con me

Catechismo dei Fanciulli

Venite con me
La strada di Abramo


Dio chiama Abramo ad essere il padre del popolo ebraico. Stabilisce con lui un patto di amicizia: l’alleanza. Abramo è attento alla voce di Dio e gli ubbidisce con fiducia. Si mette in cammino e segue la strada che Dio gli indica. Crede alle sue promesse e sa attendere con fede il loro adempimento.
Il Signore disse ad Abramo: «Vattene dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che io ti indicherò». Abramo dunque prese la moglie Sara e Lot, figlio di suo fratello, con tutti i beni che avevano, e partì. Questo accadde circa 1800 anni prima della nascita di Gesù, nella città di Ur, nella regione del fiume Eufrate.
La parola del Signore fu rivolta ancora ad Abramo, in visione: «Non temere Abramo – gli disse – io sono la tua forza; la tua ricompensa sarà molto grande». Rispose Abramo: «Mio Signore Dio, che mi darai? Ecco, a me non hai dato discendenza e un mio domestico sarà il mio erede». Allora il Signore lo condusse fuori dalla tenda dove si trovava e gli disse: «Guarda il cielo e conta le stelle se ci riesci». E soggiunse: «Tale sarà la tua discendenza». Abramo credette al Signore.
Quando Abramo era vecchio, il Signore gli apparve di nuovo e gli disse «Io sono Dio Onnipotente; cammina davanti a me e sii integro. Porrò la mia alleanza tra me e te e ti renderò numeroso molto molto». Subito Abramo si prostrò con il viso a terra. E Dio continuò: «Ti renderò molto fecondo, ti farò diventare nazione e da te nasceranno dei re. Stabilirò la mia alleanza con te e con la tua discendenza dopo dite, di generazione in generazione, come alleanza per sempre».
L’esperienza di Abramo è narrata nel libro della Genesi, ai capitoli 12-17

Catechismo dei Fanciulli
indice dei contenuti