Educat
CATECHISMO DEI FANCIULLI
Venite con me

Catechismo dei Fanciulli

Venite con me
Sempre desti e pronti


Occorreva preparare la venuta di Gesù. Dio si scelse un popolo fra tutti gli abitanti della terra. Chiamò Abramo e fece con lui un patto di amicizia. Dio disse ad Abramo:
«La mia alleanza è con te
e sarai padre
di una moltitudine di popoli.
Da parte tua
devi osservare la mia alleanza,
tu e la tua discendenza
dopo di te,
di generazione in generazione».
Leggi il libro della .
Quel giorno Dio fece una promessa solenne di amicizia ad Abramo e a tutti i suoi discendenti. Bastava essere pronti a osservare fedelmente i patti.
Ma i discendenti di Abramo, gli ebrei, spesso dimenticavano l’alleanza e si allontanavano da Dio. Nei momenti duri della schiavitù, soggiogati da altri popoli, dimenticavano le promesse che Dio aveva fatto. Ma Dio vegliava fedele su di loro e continuava ad amarli. Allora inviò i profeti perché, in suo nome, parlassero al popolo, risvegliassero la speranza e la memoria della promessa fatta ad Abramo. Dio era pronto a perdonare e ad accogliere di nuovo il suo popolo.
Genesi 17,49
25-1r2.png
Così il profeta Isaia ha cantato l’amore fedele di Dio per il suo popolo ingrato:
Voglio cantare una storia:
è il canto d’amore
del mio amico e della sua vigna.
Il mio amico aveva una vigna
su una fertile collina.
L’aveva vangata e ripulita dai sassi:
vi aveva piantato viti scelte.
Sperava che facesse bei grappoli
ma la vigna produsse
solo uva selvatica.
Allora disse il mio amico:
Potevo fare di più per la mia vigna?
Perché essa mi ha dato
solo uva selvatica
e non l’uva buona che io mi aspettavo?
Il nome del mio amico
è Signore dell’universo,
la vigna da lui preferita
è il popolo d’Israele;
Dio si aspettava giustizia,
trovò invece assassinii e violenze,
chiedeva fedeltà,
udì solamente le grida degli sfruttati.
26-1r2.png
Come la storia del popolo di Israele, la mia vita può essere una risposta generosa alla chiamata di Dio, oppure può essere segnata dalla pigrizia e dalla infedeltà. Con premura Dio la circonda di amore in attesa di frutti copiosi. Siamo desti e pronti a fare la sua volontà?
Ogni giorno il Signore Dio ci tiene desti, attraverso le piccole e le grandi cose che accadono intorno a noi. La vita che abbiamo, il mondo che abitiamo, anche le prove che dobbiamo superare: tutto ci parla di lui.
Ma anche noi dobbiamo fare la nostra parte nell’alleanza con il Signore. Prima di tutto, egli chiede che ci fidiamo di lui e che ricordiamo i doni che ci ha fatto.
Quanto sono preziosi i tuoi doni, Signore.
Tutto ci parla di te
e del tuo amore per noi.
Tu sei un Dio fedele, Signore.
Tu hai fatto il sole e la luna,
le bestie della campagna,
gli uccelli del cielo
e i pesci del mare.
Tu sei un Dio fedele, Signore.
A tua immagine e somiglianza
tu ci hai creati
e ci hai donato
la mente per pensare,
la gioia di amare,
la voglia di fare.
Tu sei un Dio fedele, Signore.
27-1r2.png
Hai fatto un patto d’alleanza
con il tuo popolo.
Molte volte attraverso i profeti
hai annunziato la venuta del Salvatore.
E fedele alle tue promesse
hai inviato Gesù,
il dono più grande del tuo amore.
Tu sei un Dio fedele, Signore.

Catechismo dei Fanciulli
indice dei contenuti