Educat
CATECHISMO DEI BAMBINI
Lasciate che i bambini vengano a me

Catechismo dei Bambini

Lasciate che i bambini vengano a me
L’annuncio a Maria


87-1cb.png
La promessa del Salvatore si compie.
Piena di grazia e Vergine fedele, Maria accoglie l’annuncio dell’angelo: sarai Madre di Dio.
L’angelo Gabriele fu mandato da Dio a Nazareth, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe.
La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: “Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te”.
A queste parole ella rimase turbata. L’angelo le disse: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide e il suo regno non avrà fine”.
Allora Maria disse all’angelo: “Come è possibile? Non conosco uomo”. Le rispose l’angelo: “Lo Spirito Santo scenderà su dite. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio e di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio”.
Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”.
(Leggi Luca 1,26-38)
È l’annuncio più importante di tutta la storia umana: Colui che ha creato il mondo vuoi vivere con noi e si fa uomo.
Il Nuovo Testamento riprende la figura del messaggero già conosciuto dall’Antico Testamento per rappresentare un avvenimento che ha Dio per protagonista. Il nome dell’arcangelo Gabriele significa “Forza di Dio”.
Dio si incarna, prende una carne umana nel grembo di questa semplice ragazza ebrea. Era promessa come sposa a Giuseppe, ma non erano ancora andati a vivere insieme, per questo Maria poté affermare di non conoscere uomo. Giuseppe era della stirpe di Davide e riconoscerà il figlio di Maria davanti al popolo. E Gesù sarà figlio di Davide.
Maria conosce il progetto divino di mandare un giorno un salvatore, il Messia. Non dubita che ciò si sarebbe realizzato, ma rimane turbata non capendo come lei possa entrare in quel progetto. Avuti chiarimenti, non si tira indietro.
Questa pagina mette in luce sia la verginità di Maria sia la sua divina maternità.
Quando raccontarla ai bambini? Nel tempo dell’Avvento, di fronte ad un quadro dell’Annunciazione. Come raccontare? È importante soprattutto soffermarsi sugli atteggiamenti, sulle domande e sulla risposta di Maria. Sul suo esempio ogni cristiano che segue Gesù è invitato a dare risposta giorno per giorno.
PREGHIAMO
AVE, O MARIA, PIENA DI GRAZIA,
IL SIGNORE È CON TE
TU SEI BENEDETTA FRA TUTTE LE DONNE
E BENEDETTO È IL FRUTTO DEL TUO SENO, GESÙ

Catechismo dei Bambini
indice dei contenuti